westpress web


Cerca all’interno dei nostri libri
Vai ai contenuti

Menu principale:

La Traviata

OPERA ОПЕРЫ OPÉRAS > OPERE IN ITALIANO

riassunto e testo completo
dei quattro atti dell'opera


La Traviata
Melodramma in tre atti
Libretto di F. M. Piave
Musica di Giuseppe Verdi
(1813 - 1901)

Prima rappresentazione
Venezia - Teatro La Fenice - 6 Marzo 1853

112 pagine - Formato 12 x 21
Disegno di copertina di Felice Naalin

Prezzo € 5,00







PERSONAGGI



Violetta Valéry,
... ...................Soprano
Flora Bervoix
..........................Mezzosoprano
Annina
....................................Soprano
Alfredo Germont
.....................Tenore
Giorgio Germont, suo padre ... .Baritono
Gastone, Visconte di Letorières
.Tenore
Il Barone Douphol
...................Baritono
Il Marchese d’Obligny
............ Basso
Il Dottor Genvil
........................Basso
Giuseppe, servo di Violetta
........Basso
Un domestico, di Flora
..............Basso
Un Commissario
......................Tenore



Signore e Signori
Amici di Violetta e Flora - Mattatori
Piccadori - Zingare -
Servi di Violetta e di Flora – Maschere - ecc.


La scena si svolge a Parigi e suoi dintorni nel 1850 circa.
Il primo atto si svolge in Agosto,
il secondo in Gennaio ed il terzo in Febbraio

PRIMO ATTO


Serata di festa in casa di Violetta Valery che cerca di stordire con sfrenati divertimenti il progredire del male che la consuma: la tisi. Il visconte Gastone le presenta il giovane Alfredo Germont che viene invitato a fare un brindisi e leva il calice inneggiando all’amore. Mentre tutti si avviano verso la sala da ballo, Alfredo soccorre Violetta colta da improvviso malore; quando la giovane si riprende, le confessa che da tempo l’ama. Ella dapprima lo respinge ma poi, contagiata da tanta passione, si toglie un fiore dal seno e glielo dà invitandolo a tornare quando sarà appassito. Rimasta sola, ripensa alle parole del giovane ed è tentata di abbandonarsi all’amore che anche in lei sta nascendo.








SECONDO ATTO


Violetta e Alfredo sono andati a vivere insieme in campagna. Lui è felice, ma quando la cameriera gli confida che la padrona sta vendendo ogni cosa per poter mantenere entrambi, è preso da vergogna e decide di recarsi a Parigi per procurarsi del denaro.

Giunge Germont, padre di Alfredo, che, non conoscendo Violetta, la accusa di mandare in rovina il figlio per farsi mantenere nel lusso. La giovane, sdegnata, gli mostra gli atti di vendita dei suoi beni e proclama il suo grande amore per Alfredo. Colpito, e ora con una certa pena, Germont la prega di lasciare Alfredo perché il legame con lei, considerato un disonore dalla società, è di impedimento al matrimonio della figlia. Dapprima Violetta, sconvolta, si ribella, ma poi accetta una cosi crudele separazione. Rimasta sola, scrive ad Alfredo una lettera nella quale gli dice che, stanca di lui, va a vivere col ricco barone Douphol. Giorgio Germont rientra mentre il figlio ha appena letto la lettera e accoglie tra le sue braccia il giovane disperato.
Passano i giorni. Nella casa dell’amica Flora si tiene una festa in maschera. Tra gli invitati ci sono il barone e Violetta. Arriva anche Alfredo che, nel vedere la donna, si infuria e, mentre al gioco vince ingenti somme di denaro, lancia pesanti allusioni contro di lei. Violetta, presolo da parte, lo supplica di calmarsi per non suscitare l’ira del barone. Sempre più infuriato, Alfredo chiama gli invitati e, di fronte a tutti, lancia con sprezzo una borsa piena di denaro ai piedi di Violetta, con il quale, egli dice, la paga. Violetta sviene. Entra Germont che rimprovera aspramente il figlio, ora pentito del gesto. Il barone sfida Alfredo a duello.


Download La Traviata
epub - mobi - pdf


TERZO ATTO

Violetta è a letto gravemente malata. Il dottore confida alla fedele Annetta che la tisi non le accorda che poche ore di vita. Violetta sta rileggendo una lettera del vecchio Germont. Questi le scrive che, dopo aver ferito il barone, Alfredo è andato all’estero ma che ora, avendogli il padre rivelato ogni cosa, sta per tornare da lei. Gioia e timore si alternano nell’animo della donna: timore che il suo amato giunga troppo tardi.
Quando Alfredo arriva, i due amanti sognano di potersi ricreare un futuro. Arriva anche Germont padre, che ora ama Violetta come una figlia. Troppo tardi: Violetta spira tra le braccia del giovane amato.

 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu